Luned́ 10 Dicembre 2018 03:56

Sincerità

Vogliamo che i nostri figli dicano sempre la verità ma non sempre avviene. Come si fa ad educarli a dire la verità?

1) I genitori vogliono che i figli dicano sempre la verità; ma così non è. Che dice la Pedagogia Preventiva positiva in proposito? Che si può fare per educare i figli alla sincerità?

Molti genitori sono convinti che i figli debbano sempre dire la verità, la pretendono, la esigono e si infuriano quando scoprono che così non è. Urlano: «Sei un bugiardo» e quant’altro ritengono loro dovere dire per convincere il figlio che è un bugiardo.
Ma quando saranno riusciti a convincerlo che è un bugiardo, come si comporterà? Indubbiamente da …bugiardo.

2) E così hanno ottenuto esattamente il contrario di ciò che si proponevano
Esattamente!

3) Ma la sincerità è un valore importante…
La sincerità è un valore fondamentale dal punto di vista morale; ma è anche una questione di sicurezza dal punto di vista pratico, perché i genitori hanno bisogno di informazioni affidabili, soprattutto quando c’è di mezzo la scuola, le persone che conoscono, i comportamenti a rischio, ecc.

4) Ed hanno ragione perdiana, solo attraverso la sincerità si può stabilire in rapporto educativo corretto
Hanno assolutamente ragione ma che cosa fanno per favorire un’atmosfera di sincerità in casa? Che esempio danno?

5) Che esempio danno?
Molti adulti sono convinti di dover dire una bugia (meglio - trattandosi di adulti - di poter mentire sapendo di mentire) quanto è la situazione stessa che lo richiede e non pensano minimamente agli effetti negativi che ciò può avere sui bambini, che percepiscono la discrepanza tra il dire ed il fare del genitore e non dimenticano.

6) Dunque i bambini “ricordano” le bugie dei genitori?
Le ricordano, perché se ne sono vergognati moltissimo. Ognuno di noi può trovare degli esempi in tal senso: il papà che dichiarava per noi un’età interiore onde avere il biglietto ridotto sul treno (e noi ci rannicchiavamo rossi in viso dietro di lui); la zia quando telefonava: «Dille che non ci sono!» era l’ordine della mamma e noi lo eseguivamo, facendo violenza al nostro pudore; i suggerimenti dell’allenatore (non alleducatore): «Stendilo se ci riesci, ma non farti vedere…».

7) Positivamente parlando invece…
Invece, il modo migliore, per insegnare ai figli ad essere onesti e sinceri è dare esempio costante, perenne, coerente di rispetto per la verità, pronti a pagarne le conseguenze, ma mai disposti a compromessi. Non sto sostenendo che è necessario dire tutto, subito, così com’è; ma che quando parliamo ed agiamo sia conforme a verità e rettitudine d’animo. Allora… spesso i bambini ci sentiranno dire frasi del tipo: «Questa è una cosa riservata e non posso riferirla»; oppure: «Non sono in grado di esprimermi su questo fatto, è una questione delicata e non voglio parlarne, ecc.». Il primo impegno dunque è convincerci che la verità è sempre più semplice di qualsivoglia bugia e che mai e poi mai ci è lecito mentire in presenza dei nostri figli. Neanche quando basterebbe una mezza verità, neanche quando è una bugia necessaria o pietosa, neanche quando vogliamo evitare un dolore al nostro bambino.

8) O.K. Non diciamo falsità almeno davanti ai bambini, così sarà più facile educarli alla sincerità. Ma se nostro figlio dicesse una bugia che fare?
Premesso che per un lungo periodo dell’età evolutiva (fino ai sette a. circa) le bugie non sono tali in quanto non vi è netta distinzione tra realtà ed immaginazione, premesso che talora anche gli adulti si auto convincono di una cosa pur non essendo reale (è questo può capitare anche ai ragazzi, soprattutto se adolescenti), premesso che prima che imparino a non farlo tutti i bambini sperimentano la menzogna, premesso questo ed altro:
a)    non reagite negativamente alle piccole bugie, soprattutto non uscite con la frase: « Sei un bugiardo »;
b)    non chiedete: «perché hai mentito» tante volte non lo sanno, i bambini agiscono e basta, non sono in grado di dare spiegazioni psicologiche dei loro comportamenti; ricorrere alla bugia è un comportamento autoprotettivo del tutto naturale, anche se non accettabile e da modificare;
c)    Condannate il fatto non la persona, perciò non dite: «Di te non mi posso fidare, sei falso»; ma: «Io so che sei tornato a casa in ritardo dalla scuola perché sei stato a giocare con Franco, non perché ti ha trattenuto la maestra, che mi dici?»; se ne segue l’impegno alla sincerità e ad accettare anche le conseguenze della bugia, non servono castighi. Continuate con: «Bravo so che ce la farai, la verità va sempre detta anche quando è difficile per le conseguenze che ne vengono anche quando ci vergogniamo di quello che abbiamo fatto (sai tutti possono sbagliare, anche i grandi); ma tu vuoi essere sincero, come lo siamo io e papà».

9) Quindi l’onestà non va punita?
Poiché dire la verità significa talvolta affrontare spiacevoli ammessi aiutate i vostri figli a sentirsi sicuri di potervela confidare sempre. Lodateli perché sono coraggiosi sono leali, sanno affrontare la vita, sono maturi. Quando si mostrano sinceri soprattutto su qualcosa che è stato difficile palesare, riconoscete e premiate la sincerità.
Infine non tendete trappole: «Lo sapevo, lo sapevo, mi ingannavi, ma io sono furba e l’ho scoperto». In questo caso una sola domanda: Se lo sapevi perché non hai fatto nulla per impedirlo? Poiché non hai messo in atto nessuna strategia preventiva positiva, tu hai commesso un crimine pedagogico, lui ha solo utilizzato la strada più facile essendo difficile parlare apertamente in casa.
 

Pubblicato il 06.11.2011
top