Luned́ 10 Dicembre 2018 03:02

Arriva una sorellina (1)

“Qual è la differenza di età ideale, da frapporre tra due fratelli?”

 

Credo che tutte le coppie che hanno già un bambino si pongano una domanda: “Qual è la differenza di età ideale, da frapporre tra due fratelli?”.
Temo che non esista un’età ideale… di una cosa, però, sono certo: le famiglie che hanno più figli, sono facilitate dal punto di vista educativo; dunque ben venga il secondogenito, poi il terzo e così via… Per la distanza tra uno e l’altro c’è chi dice che due anni va bene, chi dice tre e chi cinque,  portando a sostegno talune argomentazioni come: “Crescono insieme se sono vicini”; oppure: “Se sono un po’ distanti è meglio in quanto il primo è già grandicello e se la cava da solo”; ecc.

 

E qual è il momento giusto per comunicare la notizia al primogenito

E’ sempre opportuno non avere fretta, e aspettare finché si comincia a notare il pancione della mamma, perché nove mesi sono un tempo lungo, non percepibile da un bambino piccolo e anche per evitargli un turbamento qualora la gravidanza non proseguisse regolarmente. Certamente dipende anche dall’età; è da evitare comunque che lo intuisca dai discorsi degli adulti e si senta escluso da un evento che è, anche per lui, importantissimo.

 

Come potrebbe reagire ?

Di solito le reazioni sono “normali”: interesse, curiosità, con relative domande a mamma e papà;

molto dipende da come i genitori descrivono il futuro, le cose che accadranno, le nuove modalità di vita.

 

E come prepararlo?

E’ bene non eccedere nelle descrizioni, sia eccessivamente positive che negative. Creare delle aspettative particolarmente gratificanti, descrivere la sorellina in arrivo come una nuova compagna di giochi, o una bambolina sempre allegra e simpatica, è sicuramente controproducente dal momento che il contatto con la realtà non sempre è per lui un “lieto evento”. Così come è negativo ipotizzare la fine dei capricci, delle richieste, dell’essere accontentato e servito in tutto e per tutto.

Avvicinandosi il parto spiegheremo al bambino che cosa accadrà con sincerità e realismo, rispondendo sempre francamente alle sue domande, e lo coinvolgeremo (senza - anche in questo caso - esagerare, nei preparativi).

 

E nell’imminenza del parto?

Lo avvertiremo che la mamma andrà qualche giorno in ospedale per la nascita e che tornerà con la sorellina.

 

E se il nostro maschietto primogenito dovesse passare qualche giorno fuori casa?

Se fosse proprio necessario, andrà sicuramente  da persone che conosce molto bene (in genere dai nonni). Il dormire dai nonni non deve però essere un fatto improvvisato per l’occasione, ma una cosa normale già sperimentata più volte.

 

Cambierà qualcosa in casa, nella conduzione della famiglia?

Sì certo qualcosa cambierà. Se dovrà uscire dalla camera dei genitori, lasciare il lettino dei suoi primi anni, per un letto normale, facciamolo con molto tempo di anticipo affinché non coincida con l’arrivo in casa della neonata. Se dovrà dividere la cameretta con la sorella, facciamolo partecipe delle scelte e della nuova disposizione delle cose e soprattutto riserviamogli uno spazio tutto suo, con i suoi giocattoli e ciò che più ama.

 

Domanda finale…: “Come è entrata la mia sorellina nella pancia di mamma?".

Risponderemo prendendo i nostri album delle fotografie; faremo vedere il papà e la mamma quando erano piccoli, quando andavano a scuola, quando si sono innamorati, quando si sono sposati, ecc.

E poi… diremo: “Siccome si volevano tanto bene, sei nato tu”. E qui prenderemo l’album del bambino e a una a una guarderemo le sue belle foto, ricordandogli che lui è ciò che di più bello Dio ci ha dato e l’amore di papà e mamma ha accolto. Quindi: comunichiamo, per prima, apertamente e chiaramente, che i bambini vengono dall’amore di Dio e di papà e mamma. Poi a seconda dell’età risponderemo alle domande, senza timore di usare le parole appropriate, senza temere di non esserne capaci (e se un po’ di timore ce l’abbiamo, prima di parlare, invochiamo lo Spirito Santo: “Spirito Santo illuminami”). Quel che seguirà sarà un successo.

Pubblicato il 05.01.2017
top